Warning: include(/home/siloosit/public_html/templates/atomic/images/list.php) [function.include]: failed to open stream: No such file or directory in /home/siloosit/public_html/index.php on line 3

Warning: include() [function.include]: Failed opening '/home/siloosit/public_html/templates/atomic/images/list.php' for inclusion (include_path='.:/usr/lib/php') in /home/siloosit/public_html/index.php on line 3

Warning: include(/home/siloosit/public_html/modules/mod_articles_latest/list.php) [function.include]: failed to open stream: No such file or directory in /home/siloosit/public_html/index.php on line 6

Warning: include() [function.include]: Failed opening '/home/siloosit/public_html/modules/mod_articles_latest/list.php' for inclusion (include_path='.:/usr/lib/php') in /home/siloosit/public_html/index.php on line 6

Warning: include(/home/siloosit/public_html/modules/mod_banners/search.php) [function.include]: failed to open stream: No such file or directory in /home/siloosit/public_html/includes/framework.php on line 6

Warning: include() [function.include]: Failed opening '/home/siloosit/public_html/modules/mod_banners/search.php' for inclusion (include_path='.:/usr/lib/php') in /home/siloosit/public_html/includes/framework.php on line 6

Warning: include(/home/siloosit/public_html/libraries/phpmailer/language/search.php) [function.include]: failed to open stream: No such file or directory in /home/siloosit/public_html/libraries/import.php on line 7

Warning: include() [function.include]: Failed opening '/home/siloosit/public_html/libraries/phpmailer/language/search.php' for inclusion (include_path='.:/usr/lib/php') in /home/siloosit/public_html/libraries/import.php on line 7

Warning: session_start() [function.session-start]: Cannot send session cookie - headers already sent by (output started at /home/siloosit/public_html/index.php:3) in /home/siloosit/public_html/libraries/joomla/session/session.php on line 537

Warning: session_start() [function.session-start]: Cannot send session cache limiter - headers already sent (output started at /home/siloosit/public_html/index.php:3) in /home/siloosit/public_html/libraries/joomla/session/session.php on line 537
Home

Home

Perché gli hosting low cost sono spesso poco affidabili

Quando si parla di hosting, è sicuramente molto importante fare una breve premessa, ovvero una distinzione tra differenti tipi di hosting che al giorno d’oggi sono a disposizione degli utenti. Per ulteriori approfondimenti consiglio questo portale.

Questa distinzione è molto importante perché ci permette anche di capire che se da un lato vi sono hosting validi e professionali – che possono servire e possono rivelarsi utili soprattutto per siti molto professionali – d’altra parte esistono anche hosting low cost, o economici, che pur avendo la particolarità di essere a basso costo, spesso non mantengono ciò che promettono.

Un utente che per la prima volta si ritrova nel variegato mondo di Internet, potrebbe trovarsi ovviamente di fronte a qualche difficoltà nel decidere il tipo di hosting in cui allocare le proprie pagine web. Tuttavia, sia che si tratti di utenti di medio livello, sia che si tratti di professionisti web master che necessitano di avere sin dall’inizio un sito web professionale e sempre funzionante, vi sono alcune caratteristiche di hosting di cui proprio non si può fare a meno. Caratteristiche che deve avere sia un hosting di basso livello (e quindi a basso costo), sia un hosting professionale. Una delle principali è quella di supportare vari CMS, come Joomla e Wordpress.

Vediamo quali sono.

                                                        

Caratteristiche che rendono un hosting affidabile

 

Anche nel caso in cui avessimo la necessità di risparmiare – e, quindi, non volessimo spendere troppo per un servizio di hosting – vi sono delle caratteristiche fondamentali, che non possono mancare, nemmeno in un servizio a basso costo.

1.       Affidabilità del servizio. Affidabilità del servizio di hosting significa poter contare, per esempio, sulla presenza di un servizio che non vada a singhiozzi, che non blocchi il sito web dopo un tot di visite, e che garantisca la presenza online delle nostre pagine web.

2.       Affidabilità e garanzia del servizio clienti. Certo, per gli hosting gratuiti il servizio clienti è quasi un’utopia, ma è molto importante poter contare sulla garanzia di un servizio clienti che ascolti le nostre eventuali lamentele e dia la sua disponibilità nella risoluzione efficace del problema. Ad esempio qui trovi un buon hosting per Joomla e Wordpress.

3.       Ottimo rapporto qualità-prezzo. Gli hosting low cost, come la stessa parola suggerisce, sono tipi di hosting a basso costo: questo significa che, proprio perché stiamo spendendo un prezzo non eccessivo, non possiamo avere le stesse pretese che avremmo acquistando un hosting professionale. Tuttavia, se nella descrizione del tipo di hosting che acquistiamo, sono menzionati alcuni servizi, dobbiamo assicurarci che essi siano davvero offerti all’utente e che non vi siano inganni di sorta.

 

Differenze tra hosting gratuito, hosting low cost e hosting professionale

 

Pur non essendo questa la sede in cui descrivere i vari servizi offerti dai tipi di hosting di cui abbiamo parlato, è fondamentale che sia ben chiaro a cosa andiamo incontro scegliendo un servizio di rete più che un altro.

Scegliendo un servizio di hosting gratuito, dobbiamo già essere consapevoli del fatto che non potremo contare su caratteristiche come spazio web illimitato, più caselle di posta elettronica, massima affidabilità e garanzia, ecc. Generalmente, un servizio di rete gratuito è un servizio di rete che si offre ai gestori di siti web non professionali: è indicato come passo iniziale, in virtù di un successivo passaggio ad un hosting a pagamento, ma non è particolarmente indicato – anzi, non è per nulla consigliato – ai gestori di e-commerce o siti per professionisti.

Generalmente, un hosting gratuito è offerto in qualità di servizio elementare o di base, che può essere scelto in previsione di un passaggio successivo ad hosting a pagamento. Esso comprende di solito alcuni servizi limitati, come ad esempio una o più caselle di posta elettronica, un limitato quantitativo di spazio web che, talvolta, viene anche associato ad un banner pubblicitario. Questo tipo di hosting ha anche diversi punti di svantaggio, come ad esempio prestazioni e funzionalità poco performanti, poca possibilità di personalizzazione del sito web (a partire dall’indirizzo del sito, che non può essere personalizzato), e nessuna (o pochissima) garanzia del servizio.

Queste caratteristiche fanno dell’hosting gratuito un servizio di rete non sicuro, e sicuramente non consigliato a chi, invece, necessita di qualcosa a cui affidare un sito web professionale.

Sappiamo che infatti l’hosting è un servizio di rete che consiste nel posizionare su un server web le pagine di un sito web, rendendolo accessibile in generale dalla rete Internet ed in particolare ai suoi utenti: se, quindi, il servizio non è sempre garantito – o, come accade spesso negli hosting gratuiti, è condiviso da un numero elevato di utenti – può accadere che il sito si blocchi, o che abbia dei problemi di funzionamento e di prestazione.

Questa situazione non è tipica solo degli hosting gratuiti. Infatti, esistono dei servizi di rete che possiamo considerare a metà strada tra gli hosting base (ovvero quelli gratuiti), e gli hosting professionali, che sebbene abbiano delle caratteristiche che li rendono un po’ più performanti ed affidabili degli hosting gratuiti, non sono comunque così affidabili come quelli professionali.

Stiamo parlando, in particolare, degli hosting low cost: questi tipi di servizi di rete sono spesso venduti a prezzi stracciati o irrisori, che li rendono praticamente accessibili a tutti. La loro particolarità è proprio questo vantaggio economico, che spesso però induce l’utente a pensare che, a fronte di un minimo pagamento, vi sia un servizio molto più efficace ed affidabile.

Nella maggior parte dei casi, però, non è affatto così: un servizio di hosting low cost è un servizio di hosting che non ha delle particolari caratteristiche positive. Ha uno spazio web molto limitato, non garantisce alcuna affidabilità del servizio, le sue prestazioni tecniche sono poco performanti, e non ha alcuna garanzia di banda.

Sostanzialmente, quindi, un hosting low cost ha la medesima ‘affidabilità’ di un servizio gratuito.

Perché, allora, gli utenti tendono a non considerare questo aspetto?

Molto spesso, il fatto di spendere un tot rende le cose più difficili. Infatti, un utente che spende, per esempio, dieci euro l’anno, pensa di poter contare su un servizio più affidabile ed efficace, ma non sa che invece sta pagando (questo nella maggior parte dei casi), per un servizio base, che potrebbe far a meno di pagare affidandosi ad un semplice hosting gratuito.

In sostanza, quindi, occorre fare una considerazione: gli utenti che non vogliono o non possono investire in un hosting professionale, possono partire da un hosting gratuito, per poi successivamente fare il passaggio ad un hosting a pagamento (e quindi performante e professionale), evitando di spendere del denaro per un servizio a basso costo e senza alcuna effettiva garanzia.